Complottismo, spesso una scusa per non porsi domande

Complotto

Siamo certamente in un momento difficilissimo per l’Italia e per il mondo.

Non bastavano 20 anni di europa conclamata per ridurre in macerie la nostra bella Italia, costruita con la fatica dei nostri nonni e genitori, ora abbiamo anche il peggiore degli incubi, il virus che colpisce tutti, in tutto il mondo, buoni, cattivi, belli, brutti, ricchi e poveri.

In questo contesto che sa  molto da carovana senza cocchiere e da si salvi chi può prendo spunto per introdurre il discorso sull’informazione attuale e il mondo scientifico “Ufficiale“.

Ebbene si in questo periodo di quarantena abbiamo oltremodo avuto l’occasione, per chi ancora non se ne fosse accorto, di notare quanto l’informazione e il mondo della scienza ufficiale parlino la stessa lingua, una sorta di “Pensiero unico” mondiale e dominante che non può essere contestato da nessuno, tanto meno se quel qualcuno non ha tre lauree.

Poco conta se chi vuole contestare in maniera razionale, analitica e pensata, dei concetti che alla luce della sua logica e critica sembrano non funzionare, se questi concetti non sono il linea con il pensiero unico dominante mondialista allora il malcapitato è un “Complottista” e come tale degno di ogni rifiuto da parte dei geni del mondialismo.

La scena più lampante è quella dei cosiddetti media “mainstream“, insomma i telegiornali che in tv guardano la maggior parte delle persone, il teatrino tipo più diffuso è un programmuccio dove una conduttrice ben politicizzata dirige uno studio con personaggi invitati apposta e che hanno tutti lo stesso pensiero, gli fa domande che presuppongono già la stessa risposta, quella voluta, in pratica se la suonano e se la cantano da soli, senza che sia stata invitata in studio la controparte che possa replicare alla marea di quelle che spesso sono vere e proprie fregnacce.

Altro che complottismo e sia chiaro, alcune cosiddette ipotesi complottistiche anche io le ritengo non degne di nota, ma ciò non significa che chi le pensa non possa palesarle e cercare di dimostrarle, si chiama democrazia, il cervello e la capacità critica non devono essere imbavagliate con nessuna mascherina e non debbono mai essere spente.

C’è poi da dire che il complottista tuttalpiù è chi crea complotti, non si può certo definire complottista chi, a torto o ragione, ma in buona fede cerca di metterli in luce.

Per come la vedo il problema complottismo non sussiste, esiste la logica, la scienza, la matematica, la razionalità, il metodo scientifico, la statistica.

Questi sono gli strumenti che servono per analizzare gli eventi e in base a questi si giunge a delle considerazioni che se rispondono a questi criteri allora passano la palla alla controparte che se vuole smentirli deve utilizzare gli stessi strumenti e argomentare prontamente.

Alieni

Un esempio della follia collettiva dell’umanità, la questione “Alieni” se vai in un salotto televisivo mainstream e parli di alieni, ti dicono che sei un complottista, mentre invece il prete che è al tuo fianco che parla di dio è considerato un genio.

Bibbia

Premetto che non credo nel dio della bibbia, ma da persona razionale non nego che un dio possa esistere, ma mi guardo bene dal dire che ne so qualcosa.

Il tutto è assurdo, gli alieni non esistono, ti dicono che sei un complottista, poi se non credi in dio sei un supercomplottista, la frase tipo è “Ma dai, come sei messo, credi negli alieni e non credi in dio?“.

Una frase di questo tipo è la celebrazione dell’ignoranza pura, a parte che riguardo agli alieni non sarebbe una questione di credenze, ma di scienza, logica, statistica, e ricordiamoci che di forme di vita abbiamo nella storia dell’universo almeno un precedente, cioè noi e tutte le forme di vita sulla terra, mentre di dio non abbiamo notizia, non c’è alcun precedente.

Quindi tra le due quale è più probabile?

E poi basta con tutte queste puttanate, incoerenze, anche la chiesa parla di dio e sugli alieni mette poi le mani avanti, senza poi fare notare che da anni spende milioni di euro per costruire osservatori e guardare in cielo, forse pensa di vedere dio io orbita?

La libertà di culto è sacrosanta, e nessuno sa nulla di dio, ne io, ne tu, ne un prete, ne il papa, nulla di nulla, e non lo si può nemmeno intuire da qualche ragionamento logico, mentre l’esistenza di altre forme di vita si.

Si lo so cosa risponderebbero certi, “Ma Dio è una questone di fede, non c’entra la logica“, ecco appunto, quindi di cosa stiamo parlando?

Chi sostiene queste frottole è il complottista, chi vuole oscurare il pensiero, la creatività, il porsi domande, il coltivare dubbi, questi sono i complottisti, e i mezzi di disinformaizone di massa sono dei grandi complottisti.

Rimanendo in tema di religioni mi viene in mente la questione “Mauro Biglino“, uno studioso di storia antica, religioni, e soprattutto di Bibbia.

Biglino è un traduttore di ebraico e ha tradotto diversi libri antichi, fino a quando ha perso il lavoro perchè ha cominciato a scrivere libri dove racconta che nella bibbia legge tutta un’altra storia.

Premetto che lo scopo di queste righe non è di difendere o meno Biglino, ciò che si vuole difendere è la scienza vera, il metodo scientifico e la libertà di pensiero e della sua manifestazione.

Biglino, pur non laureato, è sicuramente persona fortemente preparata e traducendo la bibbia e leggendola alla lettera, senza interpretazioni spiega che questo libro non parla di dio (non c’era bisogno di Biglino per dire questo naturalmente), ma di una categoria di individui chiamati Elohim che si sono divisi delle terre e dei popoli e all’Elohim Yahwe (quello poi fatto diventare dio) è toccata la guida degli istraeliti, attenzione non degli ebrei ma degli istraeliti, una delle tante famiglie di ebrei.

Il contesto della bibbia è un contesto di guerra, un libro immorale, pieno di stermini, morti, tutto il contrario di qualcosa che ha a che fare con la bontà, misericordia e l’anima.

Questo è quello che si trova nella per nulla sacra bibbia, sacra intesa in termini religiosi, ed è un dato di fatto, c’è scritto così, ma i soliti geni dicono che la bibbia va letta interpretandola.

Allora applichiamo un po’ di logica e metodo scientifico e vediamo..bene.. chi ha scritto la bibbia?…esattamente non si sa anche se alcune parti sono scopiazzate da testi Sumeri, la bibbia è integra? No assolutamente, prima era tramandata oralmente e poi è passata nelle mani di tantissime persone che la modificavano a seconda dell’interesse del tempo.

Insomma della bibbia non si sa un bel nulla, la domanda è, che risultato si può ottenere in termini di attendibilità interpretando un testo del quale non si sa nulla?

Ecco, zero forse è abbondante.

Diciamo ancora, in giurisprudenza e in scienza, un indizio è un indizio, due indizi fanno una prova.

Leggendo la bibbia, gli storici antichi, i testi sacri antichi di altre religioni e di altri popoli, questi raccontano storie simili a quelle della bibbia e spesso identiche.

Domanda, com’è possibile che popoli lontani che non sono mai venuti a contatto tra di loro raccontino tutti la stessa storia?

Queste domande non hanno risposta, chi le fa viene definito complottista e il dialogo finisce li.

Vi rendete conto a che punto siamo?

E ripeto l’articolo non ha lo scopo di difendere ne contraddire nessuno ma solo di fare notare come quella che si definisce come la scienza ufficiale, sia più una fede che scienza.

Dico questo con tutta la solidarietà con personaggi che praticano scienze di qualunque tipo, in buona fede.

Un’altra sul complottismo che poi viene a sfociare nell’accusa di razzisto, sono i Protocolli dei Savi di Sion.

Un documento controverso, c’è chi sostiene sia autentico, chi sostiene che sia stato creato appositamente.

Prenditi la briga di leggere questo documento con mente lucida.

Con una semplice ricerca in rete puoi trovarli e scaricarli in pdf.

Il documento in sostanza descrive come il mondo sia preda di un complotto ebraico massonico, ma al di la di questo descrive bene le modalità.

Chiaramente tirando fuori la questione dei savi di sion ecco che salta subito fuori l’etichetta di complottista, ma viene sempre contestato il fatto che il documento potrebbe essere un artefatto, senza soffermarsi sul fatto importante, che non è se l’abbiano scritto gli ebrei o altri per accusare ingiustamente gli ebrei, il fatto che conta è che il contenuto è tremendamente attuale e ciò che c’è scritto descrive benissimo la realtà in cui viviamo.

Sia chiaro, per quelli che vogliono accusare di razzismo, io non ho nulla contro gli ebrei, la religione per me non è un problema, ho spiegato questa cosa in un altro articolo, il problema non è essere ebrei, cattolici, musulmani o induisti, il problema è essere delinquenti, e ciò che c’è scritto in quel protocollo, sia il protocollo vero o falso materialmente come documento, il suo contenuto è vero e descrive bene la realtà.

In sostanza i delinquenti andrebbero in galera, siano essi cristiani, musulmani induisti o ebrei.

Stessa cosa per le accuse di razzismo e antisemitismo, a parte che gli israeliti erano antisemiti perchè sterminavano popoli semiti, ossia i loro fratelli e cugini ebrei quanto loro, questo è quello che Biglino fa notare della bibbia e che chiunque può verificare leggendola.

Se qualcuno prova a dire che anche gli ebrei hanno commesso e commettono crimini, ecco che sei un complottista razzista, invece israele che ammazza da decenni palestinesi per prendersi quel pezzetto di terra che il Yahwe biblico gli ha promesso fa cosa buona.

Sempre lo stesso sporco giochino che se qualcuno dice qualcosa, allora di conseguenza lo etichetti in un modo negativo per qualcosa che lui non ha ne mai detto ne pensato ne sostenuto. Della serie, affermi qualcosa allora di conseguenza ne pensi anche un’altra, che è poi quella da condannare.

Questo è il pensiero unico mondiale.

Rimanendo in tema di bibbia se si vuole un esempio di moralità e misericordia nonchè comprensione si può consultare il salmo 136 (8-9).

Babele atroce, beato chi ti renda il male che tu facesti a noi! Beato chi prenda e chi sbatta i pargoli tuoi contro le rupi!

Che beatitudine, che esempio!

L’avete mai sentito in chiesa questo salmo?

O è un complotto?

Veniamo poi ai giorni d’oggi, in pieno tempo di Coronavirus.

Abbiamo una versione diciamo così ufficiale, mainstream, e poi abbiamo diversi scienziati, medici, e persone comuni che si fanno domande, e che notano che anche questa volta tante cose non tornano.

Non parliamo poi delle incongruenze, si parte dal 31 gennaio quando sulla gazzetta ufficiale viene pubblicato lo stato di emergenza fino al 31 luglio, quindi per 6 mesi, ma in quel periodo ci dicevano di stare tranquilli.

Poi questo virus doveva stare in incubazione 4/5 giorni, poi col passare del tempo, ora è un mese e mezzo che siamo chiusi in casa, ma questi morti non è che diminuiscano, chiaramente gli infetti aumentano più tamponi si fanno.

Poi non si può fare nemmeno una passeggiata nel parco da soli, però si può stare ore in fila al supermercato con mascherine che nella maggior parte dei casi la gente porta da un mese, che non è buona cosa anche solo a livello igienico.

Senza parlare dei dubbi sulla affidabilità dei tamponi e dei metodi di categorizzazione dei deceduti.

Un’idea migliore ce la faremo quando avremo i dati definitivi di questo evento e potremo paragonarli a quelli degli anni passati.

Persino il premio nobel Luc Montagnier, scopritore del virus Hiv, riguardo al quale ammise che non è l’unico responsabile dell’aids, ci riferisce che il coronavirus è stato creato in laboratorio inserendo sequenze dell’hiv.

Insomma è un premio Nobel, sa quello che dice, e come lui tanti, complottista anche lui?

Allora io avrei una versione alternativa, non è che tutte queste persone sono dei complottisti, è più facile che siano i portatori del virus del mondialismo e del pensiero unico a essere ciarlatani, impegnati dalla mattina alla sera a sopprimere qualsiasi informazione che vada contro gli interessi dei loro padroni che li foraggiano abbondantemente e vergognosamente.

Un’altra coincidenza, nel 1981 il libro The Eyes of Darkness di Dean Koontz, parla della fuga di un virus da un laboratorio di Wuhan, anche questa una coincidenza? Riprendendo il discorso di prima, due o più indizi formano una prova e quantomeno fanno sollevare interrogativi, altro che complottismo, scemo è colui che ignora queste cose, e peggio ancora chi sapendo fa finta di nulla, anzi sostiene ipotesi mainstream facendo finta che altre ipotesi non esistano o non siano degne di nota.

Tra l’altro se leggi la pagina di cui al link qui sopra ti renderai conto tu stesso che viene fatto notare che ci siano delle differenze tra il virus del libro e il coronavirus, spostando così l’attenzione dal fatto rilevante, ossia che il libro parli 40 anni fa di un virus proveniente dalla stessa città da cui sarebbe scaturito oggi, e questa è già più difficile come coincidenza.

Quindi abbiamo due fattori, il virus e il virus che scaturisce dalla stessa città, ricordi la questione degli indizi e delle prove?

Non voglio dire che sia una prova ma se hai rimasto un po’ di senso critico in zucca il dubbio ti viene.

Non bisogna mai smettere di farsi domande e bisogna sempre avere la possibilità di mettere in dubbio tutto, è il fondamento della scienza, quella vera.

Omeopatia

Ad esempio un’altra questione è quella dell’Omeopatia, io personalmente non mi curerei mai con l’omeopatia perchè ritengo che non sia basata su costrutti scientificamente dimostrati e la ritengo non pericolosa assolutamente ma anche inefficace, se non blandamente e in alcune patologie e strettamente con effetti correlati all’effetto placebo, allo stesso modo però non etichetto chi la utilizza e la sostiene come un complottista, anche perchè se milioni di persone la utilizzano da anni in tutto il mondo, probabilmente che sia placebo o reale, qualche effetto ce l’ha quindi mi mantengo possibilista a riguardo e se qualcuno ne parla esprimo i motivi del mio disaccordo ma lo ascolto, se argomenta in modo convincente lo ascolto, ma anche se dicesse fesserie avrebbe il diritto di dirle.

La situazione è molto critica, altro che complottismo, era critica prima del coronavirus, per almeno venti anni di politiche scellerate, che hanno distrutto un paese impoverendo i suoi cittadini a suon di tasse, imposte e debiti, che nessun colore politico, è riuscito, o meglio ha voluto diminuire.

A già il debito, una brutta faccenda, un sistema di governo, che dirige il mondo ora come un tempo, persino nella bibbia è descritto in maniera esemplare…

Deuteronomio 23:20-21

20 Non farai al tuo fratello prestiti a interesse, né di denaro, né di viveri, né di qualunque cosa che si presta a interesse. 21 Allo straniero potrai prestare a interesse, ma non al tuo fratello, perché il Signore tuo Dio ti benedica in tutto ciò a cui metterai mano, nel paese di cui stai per andare a prender possesso.

Vediamo che gli insegnamenti della bibbia sul sistema prestito e debito sono chiari, presta solo agli stranieri, non ai tuoi fratelli, ed esigi l’interesse, con la benedizione del tuo Dio quando ti andrai ad impadronire di un altro paese.

Sapevano bene come come gestire i loro affari.

Veniamo in epoca più recente, una celebre frase del capostipite della famiglia Rothshild, una famiglia di banchieri ebrei tedeschi che ha accumulato patrimoni più grossi di quelli degli stati e con i quali gli stati stessi sono indebitati da tempo.

Sono presenti ovunque nel mondo, controllano ogni cosa, e non c’è nessun complottismo, basta andare a cercare, ad esempio in banca d’italia o altri contesti, a livello finanziario sono ovunque, altro che coronavirus.

“Permettetemi di emettere e controllare la moneta di una nazione e non mi importa chi fa le sue leggi.”
Mayer Amschel Rothschil

In pratica questi stampano moneta a costo zero, tu lavori per accaparrartene se tutto va bene poca.

E veniamo ad un’altra citazione che ci fa comprendere in che brutto guaio l’umanita si sia cacciata, questa volta è il simpatico Jean Claude Juncker.

“Noi prendiamo una decisione in una stanza, poi la mettiamo sul tavolo e aspettiamo di vedere cosa succede. Se non provoca proteste o rivolte, è perché la maggior parte delle persone non ha idea di ciò che è stato deciso; allora noi andiamo avanti passo dopo passo fino al punto di non ritorno.” 
Jean-Claude Juncker
 
Source: Citato in Die Brüsseler Republik http://www.spiegel.de/spiegel/print/d-15317086.html, Der Spiegel, 27 dicembre 1999.

Origine:https://le-citazioni.it/frasi/316758-jean-claude-juncker-noi-prendiamo-una-decisione-in-una-stanza-poi-la/

Della serie, non ci riuniamo in una stanza, ne spariamo delle grosse, e vediamo, se nessuno dice nulla, anche se sono palesemente ingiuste e schifose, le lasciamo così, anzi andiamo avanti.

Allora mi chiedo, di fronte a gente e a comportamenti di questo tipo reiterati fin dalla notte dei tempi nella storia dell’umanità, dobbiamo fare finta di nulla? La versione del mondo che ci viene somministrata dal mainstream è quella buona e giusta e gli altri sono complottisti? O il mainstream è per la maggior parte carta igienica?

Complottismo

La follia dei nostri governanti non si fermerà mai finche non riusciremo a trovare il modo di organizzarci seriamente per dire di no a questa finta che ha impoverito il nostro paese tanto bello.

Che ti piaccia o no l’unico modo per salvare questo paese è quello di riprendersi la capacità di stampare moneta, che è la prerogativa essenziale degli stati, ormai rubata, o meglio ceduta illegittimamente a banche private di strozzini con l’aiuto di nostri governanti complici che andrebbero processati per questi reati contro lo stato.

Lascia perdere come vogliono risolvere la questione coronavirus, mes, sure, eurobond, non cambia nulla, se questa roba non è emessa dall’Italia è solo debito che dovremo pagare noi e chi verrà dopo di noi.

Si hai capito, debito, debito, è sempre lui da millenni, il debito.

Ti hanno fatto credere che hai vissuto al di sopra delle tue possibilità, ti hanno fatto credere che le tasse (imposte) servono per pagare la spesa pubblica ossia per fare ospedali, strade, ecc, tutto falso, in un sistema a sovranità monetaria, lo stato fa spesa pubblica mettendo in circolo liquidità, il debito dello stato verso se stesso non è debito perchè a costo zero, ma è credito nelle tasche dei cittadini che col loro apporto e lavoro faranno crescere la società come la costituzione prevede.

Se l’inflazione si alza la tassazione servirà per calmierarla, in sostanza in uno stato a sovranità monetaria, le tasse sono un metodo di redistribuzione del reddito e un calmiere dell’inflazione.

In uno stato senza sovranità monetaria lo stato per fare spesa pubblica o si indebita o spreme le tasche dei suoi cittadini fino all’insostenibilità.

Ora i nostri politici devono affrontare questa emergenza, e non hanno abbastanza soldi, e nemmeno la sovranità monetaria, quindi le soluzioni sono due, o prendere soldi da noi, cosa possibile, patrimoniali, ecc (e sicuramente non basterà) o indebitarsi ulteriormente chiedendo prestiti all’unione europea che farà un clic e a costo zero emette moneta da prestare a interessi bibblici, pensa che quel click per creare moneta è una prerogativa dello stato, e dovremmo farlo noi a costo zero.

Insomma se credi ancora che dentro al paradigma del debito l’Italia possa guarire, e non parlo dal virus ma dal disastro economico in cui siamo immersi, penso rimarrai deluso.

Anche i governanti mettono in piedi soluzioni risibili, siamo ormai vicini alla stagione turistica estiva italiana, e gli italiani e le loro attività sono sotto sequestro, sorvegliati a vista da droni, forze dell’ordine, che si sono mostrate in questo periodo come il vero e proprio braccio armato di una dittatura, altro che angeli che aiutano i deboli, la gente ha segnalato fortemente l’arroganza e i modi delle forze dell’ordine che hanno perso un’occasione per farsi ben volere dai cittadini che non hanno nessuna colpa di questi eventi e sono stati trattati come criminali, solo per essersi seduti in una panchina fuori casa lontano da tutti o fare una passeggiata.

Roba da film, mai avrei pensato di vedere un’Italia così.

Ora dovrebbe iniziare, forse, la cosiddetta fase due, e poi il mainstream descrive le voci su quanto i politici stanno mettendo in campo per la stagione turistica 2020, si legge, distanziamento sociale, mascherine, pannelli di plexiglas separatori i spiaggia  e nei tavoli dei ristoranti, disinfezione più volte al giorno dei locali, nei ristoranti spazi di 2 metri tra i tavoli.

E voi dite che gli alieni non esistono?

Questi cosa sono? Dove vivono? Il settore turistico è una polveriera, a queste condizioni molti chiuderanno, non c’è convenienza a lavorare così. Facevano già fatica prima a sostenere la folle pressione fiscale italiana, altro che complottismo, questo schifo è reale eccome.

Discoteche chiuse per un anno e concerti fermi, tutto ciò che è economicamente rilevante nel turismo estivo, è fermo, ti dicono che l’Italia non farà la fine della Grecia, io concordo, sarà molto peggio, molto più lento, ci spelleranno strato per strato lentamente, mentre guardiamo e se proveremo a dire qualcosa, le forze dell’ordine useranno i manganelli.

Ci troviamo catapultati in una dittatura, diritti dei cittadini costituzionalmente garantiti, disinnescati dai decreti del presidente del consiglio dei ministri e da altri altti semplicemente amministrativi di comuni e regioni, che non hanno forza di legge, un incubo per la democrazia attualmente sospesa.

Questo è il virus, e non c’è complottismo, magari, purtroppo è sotto gli occhi di tutti, solo un deficiente non vede una cosa del genre, non so dove viva uno che dice il contrario, o meglio lo so, non è che non lo sappia ma essendo un infame difende la sua categoria.

L’Italia è in un momento molto critico, l’equilibrio già molto precario potrebbe saltare completamente, e non per colpa dei complottisti che poi complottisti non sono ma per colpa di una manica di governanti corrotti che da sempre, prezzolati dalla finanza pasteggiano sulle spalle dei cittadini, lavoratori dipendenti e imprenditori, mettendoli gli uni contro gli altri e chiedendo loro ogni anno che passa sempre più inumani e ingiustificati sacrifici.

Riconosciamo anche noi la nostra colpa di non essere riusciti mai a dire di no a questi delinquenti, ora questa storia del coronavirus  cade a pennello, e sono stati bravissimi a cavalcarla.

Fortunatamente per ora le macchine sono immuni..almeno da questo virus.

La disperazione di  questo passo aumenterà e potrebbero succedere anche fatti di violenza, o forse, visto che non è successo nulla nemmeno con la chiusura degli stadi non succederà un bel nulla e fortunatamente non perderà la vita nessuno in questo modo, forse diverse tra qualche tempo saranno le statistiche dei suicidi e delle persone andate in indigenza.

Viva l’Italia.